Diana Grandin in cucina, a casa e fuori casa

Crostatine senza zucchero ….o quasi

Posted on | novembre 11, 2011 | Lascia un commento


Mi ero messa in testa di preparare un dessert senza zucchero inizialmente ero indecisa se fare dei piccoli biscotti oppure una torta importante, poi invece ho pensato queste crostatine che possono essere una via di mezzo.
La parte dolce nella frolla è data da nocciole tritate con mele disidratare ed un cucchiaio di sciroppo d’acero, mentre nella crema pasticcera ho preferito usare un pochino di zucchero, ma se proprio lo dovete eliminare potete sempre sostituirlo con del fruttosio o dell’altro dolcificante.

per la crostata:
150 gr di farina
80 gr di burro
40 gr di nocciole
40 gr di mele essiccate
1 uovo
1 cucchiaio di sciroppo d’acero
per la farcitura:
½ limone
2 uova
30 gr di zucchero
30 gr di maizena
250 ml di latte
3 mele

Mettete nel mixer le nocciole, le mele essiccate e frullate per ridurre in polvere, miscelate anche con la farina setacciata, aggiungete l’uovo e per ultimo il burro a temperatura ambiente. Amalgamate bene poi compattate l’impasto formando una palla, coprite con pellicola e mettete in frigorifero. Trascorsa mezz’ora stendete la frolla e ritagliate 8 dischi di circa 10 cm di diametro e foderate altrettanti stampi da crostatine e rimettete in frigorifero.
Spremete il limone e versatelo in una terrina piena d’acqua fredda, lavate, sbucciate, tagliate a fettine sottili le mele e mettetele nella terrina in modo che non si ossidino, mentre preparate la crema.
Mettere a scaldare il latte, sbattete le uova con zucchero, maizena ed un pezzo di scorza di limone. Al primo bollore versate il latte sulle uova, rimettete sul fuoco e continuate a mescolare fino a quando inizierà ad addensarsi, spegnete il fuoco, levate la scorsa del limone e fate intiepidire. Portate il forno a 170°.
Scolate le mele ed asciugatele, dividete la crema ottenuta per ciascuna crostatina coprite con le fettine di mela, infornate per circa 20 minuti.

Diana Grandin è una cuoca in prova

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Comments

Leave a Reply